Porta Santa di Betlemme

Porta Santa di Betlemme

La porta in bronzo per la Chiesa di Santa Caterina in Betlemme, riassume la carica emotiva dell’artista attraverso la delicata suggestione simbolica della genealogia del Cristo. E’ un’opera che, in sintesi estrema, intende racchiudere duemila anni di storia cristiana. Al centro la Natività, simbolo di salvezza, è posta su di un mondo simbolico e la stella che illumina l’intera opera, rappresenta la luce che, duemila anni fa, indicò ai pastori la via per trovare Gesù. Oggi la stessa luce indica ai fedeli la via della salvezza. Sullo sfondo, in alto, sono rappresentati l’Annunciazione ed il Sogno di Giuseppe; la fede come elemento determinante per essere un vero cristiano. In basso, l’Adorazione dei Magi e la visita di Giovanni Paolo II a Betlemme, rappresentano la prima e l’ultima testimonianza importante al Dio fatto uomo. La porta bronzea, opera dello scultore Roberto Joppolo, è alta metri 2,70, larga metri 1,40 e pesa 12 quintali. Portata a compimento in un anno, con il sistema di fusione a cera persa, curata nei minimi particolari nel rigore della meticolosa tradizione dell’arte orafa, è stata donata ai Frati Francescani custodi dei luogi di Terra Santa, per essere collocata a Betlemme all' ingresso della grotta della Natività. Il 10 ottobre 2001 la porta ha ricevuto , in Vaticano, la benedizione di S.S. Giovanni Paolo II, assurgendo così a Porta Santa “un ulteriore messaggio di pace per la terra di Palestina”. La notte di natale 2003 è stata inagurata con cerimonia solenne dal Patriarca di Gerusalemme.

 

 

 

Realizzazione sito Internet ZeroMilleCento | Powered by Quick.Cms